La prima piattaforma italiana di cloudworking dedicata ai professionisti! AccediRegistrati »

Engplatform > Edilizia > Studi di Fattibilità

Studi di Fattibilità

Lo studio di fattibilità è un elaborato finalizzato alla valutazione ex ante di un progetto: in sostanza si tratta di analizzare il programma o il progetto da realizzare, per valutarne la fattibilità nella realizzazione. Lo studio viene condotto secondo analisi di natura tecnica ed economica, alla fine delle quali sarà possibile evincere la convenienza nella realizzazione.

Oltre ad essere citato nel Decreto Legislativo n. 163/2006, meglio conosciuto come Codice dei Contratti Pubblici, lo studio di fattibilità viene precisamente descritto nel D.P.R. 207/2010, elencando tutti gli elementi di cui deve essere corredato.

Lo studio di fattibilità si compone di una relazione illustrativa contenente:

  1. le caratteristiche funzionali, tecniche, gestionali, economico-finanziarie dei lavori da realizzare;
  2. l’analisi delle possibili alternative rispetto alla soluzione realizzativa individuata;
  3. la verifica della possibilità di realizzazione mediante i contratti di partenariato pubblico privato di cui all’articolo 3, comma 15-ter, del codice;
  4. l’analisi dello stato di fatto, nelle sue eventuali componenti architettoniche, geologiche, socio-economiche, amministrative;
  5. la descrizione, ai fini della valutazione preventiva della sostenibilità ambientale e della compatibilità paesaggistica dell’intervento, dei requisiti dell’opera da progettare, delle caratteristiche e dei collegamenti con il contesto nel quale l’intervento si inserisce, con particolare riferimento alla verifica dei vincoli ambientali, storici, archeologici, paesaggistici interferenti sulle aree o sugli immobili interessati dall’intervento, nonché l’individuazione delle misure idonee a salvaguardare la tutela ambientale e i valori culturali e paesaggistici.

 

Se invece lo studio è posto a base di gara, deve contenere, ai sensi degli articoli 58 e 153 del Codice, una relazione illustrativa generale con:

  1. l’inquadramento territoriale e socio-economico dell’area oggetto dell’intervento:

1.1.        corografia, stralcio del piano regolatore generale comunale, verifica della compatibilità con gli strumenti urbanistici;

1.2.        analisi dell’impatto socio-economico con riferimento al contesto produttivo e commerciale esistenti;

  1. l’analisi della domanda e dell’offerta attuale e di previsione con riferimento:

2.1.        al bacino d’utenza;

2.2.        alla stima dei bisogni dell’utenza mediante utilizzo di parametri fisici riferiti alla specifica tipologia dell’intervento, quali i flussi di traffico e il numero di accessi;

2.3.        all’individuazione, in termini quantitativi e di gradimento, dell’offerta attuale e di quella prevista nei medesimi settori dell’intervento;

  1. l’analisi delle alternative progettuali:

3.1.        individuazione delle alternative progettuali dal punto di vista delle scelte tecnologiche, organizzative e finanziarie;

3.2.        matrice delle alternative progettuali;

  1. lo studio dell’impatto ambientale riferito alla soluzione progettuale individuata e alle possibili soluzioni alternative:

4.1.        analisi sommaria degli aspetti geologici, geotecnici, idraulici, idrogeologici, desunti dalle cartografie disponibili o da interventi già realizzati ricadenti nella zona;

4.2.        verifica dei vincoli ambientali, storici, archeologici, paesaggistici interferenti sulle aree o sugli immobili interessati dall’intervento.

 

Deve contenere, inoltre, relazione tecnica con:

  1. le caratteristiche funzionali e tecniche dei lavori da realizzare;
  2. descrizione, ai fini della valutazione preventiva della sostenibilità ambientale e della compatibilità paesaggistica dell’intervento, dei requisiti dell’opera da progettare, delle caratteristiche e dei collegamenti con il contesto nel quale l’intervento si inserisce nonché delle misure idonee a salvaguardare la tutela ambientale i valori culturali e paesaggistici;
  3. analisi sommaria delle tecniche costruttive e indicazione delle norme tecniche da applicare;
  4. cronoprogramma;
  5. stima sommaria dell’intervento secondo le modalità di cui all’articolo 22, comma 1, con l’individuazione delle categorie di cui all’allegato A e dei relativi importi, determinati mediante l’applicazione delle quote di incidenza delle corrispondenti lavorazioni rispetto al costo complessivo.

 

Infine elaborati progettuali ed elaborato tecnico-economico contenente:

  1. la verifica della possibilità di realizzazione mediante concessione rispetto all’appalto;
  2. analisi della fattibilità finanziaria (costi e ricavi) con riferimento alla fase di costruzione e, nel caso di concessione, alla fase di gestione;
  3. analisi della fattibilità economica e sociale (analisi costi-benefici);
  4. schema di sistema tariffario, nel caso di concessione;
  5. elementi essenziali dello schema di contratto.

La fattibilità può essere relativa al settore edilizio, urbanistico, immobiliare, economico e finanziario; qualunque settore riguardi il risultato dello studio sarà costituito da analisi, verifiche, dimostrazioni e conclusioni circa la fattibilità del programma o del progetto, offrendo indicazioni utili a orientarne il lavoro e le modalità di svolgimento.

 

I professionisti tecnici, qualificati per lo svolgimento di studi di fattibilità, saranno in grado di svolgere la mansione sia per enti pubblici che per committenti di tipo privato; il geometra, l’ingegnere o l’architetto incaricato, disponibile nell’elenco dei nostri professionisti a disposizione, si occuperà di redigere la relazione con attenzione specifica a:

  • le caratteristiche che contraddistinguono il progetto da realizzare e presentazione del lavoro con indicazione dei dati economici e finanziari;
  • eventuale seconda soluzione da adottare, alternativa alla prima individuata;
  • contratti e partenariati possibili tra enti pubblici e privati interessati, al fine di abbattere i costi (es. project financing);
  • descrizione dello stato di fatto del bene o dell’area oggetto d’intervento con individuazione dei punti di forza e di debolezza;
  • relazione del progetto con i beni e i vincoli storici, ambientali e paesaggistici presenti.

Ing. Marco Marongiu

Via Masaniello, 43, 09134 Cagliari, Italia
Progettazione architettonica, calcoli strutturali, realizzazione degli elaborati grafici, modelli tridimensionali, render foto realistici, valutazioni di impatto ambientale, redazione documentazione amministrativo contabile, direzione lavori e computi metrici, certificazione energetica, documentazione richiesta/rinnovo C.P.I, progettazione e documentazione Piano…
  • Non ancora valutato
Leggi di più

Arch. Fabrizio Tomei

Via dello Scasato, 1, 01033 Civita Castellana Viterbo, Italia
  • Non ancora valutato
Leggi di più

Geom. Malagisi Angelo

Ardea, Via Modena 1
  • Non ancora valutato
Leggi di più

Geom. GÖGele & Kiem

Lana, Piazza Tribus 25
  • Non ancora valutato
Leggi di più

Geom. Cornero Walter

Sommariva Perno, Via Ceretta 8
  • Non ancora valutato
Leggi di più

Geom. Cavallone Mauro

Casale Monferrato, Via Roma 197
  • Non ancora valutato
Leggi di più

Geom. Truscello Massimo

Novara Di Sicilia, Via Nazionale 115
  • Non ancora valutato
Leggi di più

Geom. Bettineschi Gabriele

Colere, Via Rocol 27
  • Non ancora valutato
Leggi di più

Geo Space Srl

Roma, Via Portuense 953/959
  • Non ancora valutato
Leggi di più

Geba Service

Siracusa, Via Servi di Maria 29
  • Non ancora valutato
Leggi di più
Pagina 1 di 1412345...10...Ultima »

Ricerca